Archive for settembre 2011

Bertoldi (PdL): “Zeller, oneri e privilegi dell’autonomia totale sono sinonimo di Stato libero. Pensateci…”

30 settembre 2011

Ci tengo a rispondere all’On. Zeller che annucia la fine di una stagione ed evidenzia come vi sia la necessità di aprirne una nuova parlando di “autonomia piena o totale che si faccia carico anche degli oneri scomodi di avere più deleghe” visto che fino a oggi non è stato affatto così, ma solo un’autonomia di onori e provilegi.

Trovo questa sua amissione un passo in avanti ancora non del tutto sufficiente purtroppo, sono finiti anche quei tempi quando la Provincia era nelle condizioni di chiedere ulteriori deleghe anche se onerose, a oggi la Provincia non può pretendere più niente da Roma, se non l’autorizzazione (quindi una modifica costituzionale) per potersi distaccare dal nostro Paese creando una realtà “totalmente autonoma” e quindi indipendente a modi Stato libero.

La SVP come l’On. sanno che potrebbero fare in quell’ordine di cose, il bello e il cattivo tempo, ma sanno anche che sarebbero maledetti dai loro stessi elettori moderati (e privilegiati economicamente) e soprattutto che troverebbero la grossissima “grana” che sono gli Italiani come minoranza etnico-linguistica. Verranno però così sfiduciati dall’elettorato tradizionalista e più radicale che continuerà a spostare il proprio voto più a destra, come già sta succedendo da almeno 10 anni a questa parte, e a chiedere quell’automina autenticamente totale. Visto che la sostanza non mi sembra cambiare perchè, oneri e privilegi dell’autonomia totale sono sinonimo di Stato libero, invito gli amici della VolksPartei a pensarci…

 

 

Alessandro Bertoldi

 

Presidente nazionale

Studenti per le Libertà

SCUOLA

 

Dirigente provinciale

Popolo della Libertà

Bertoldi (PdL): “Titolare la biblioteca della LUB a Durnwalder è da folli (o forse no).”

30 settembre 2011

Leggo sconcertato che il cda della LUB ha espresso la volontà di titolare la nuova biblioteca al Presidente Durnwalder come fondatore dell’ateneo, le motivazioni della scelta possono essere tra le più diverse: i dirigenti dell’Università quel giorno erano in preda a un raptus di follia, è un banale gesto di servilismo politico, è un regalo di compleanno, hanno ritenuto che nessuna figura di spicco del panorama culturale mondiale sia all’altezza quanto lui (e in questo caso parrebbe comunque ignoranza o follia) oppure semplicemente tutte le mie considerazioni sono valide e quindi pensandoci bene non sono poi così degli sprovveduti questi dirigenti universitari, quale miglior occasione o modo per ingraziarsi il Presidente della propria Provincia. Questa resta una scelta scandalosa, basti pensare cosa succederebbe se noi chiedessimo di titolare una qualsiasi cosa al Presidente Berlusconi. Difficilmente  si titola o dedica qualche cosa a un personaggio in vita specie se politico, io personalmente auguro al Presidente di vivere in salute altri 100 anni. In ogni caso non credo tutti gli studenti della Libera Università si sentano rappresentati da Durnwalder come politico o comunque credo tutti concorderebbero nel voler mantenere all’interno del nome l’aggettivo “Libera”, che dopo questa scelta sarebbe forse il caso quantomeno per non cadere nel ridicolo, venisse rimosso.

 

Alessandro Bertoldi

 

Presidente Nazionale

Studenti per le Libertà

SCUOLA

 

Dirigente provinciale

Popolo della Libertà

Studenti per le Libertà – Scuola in tutta Italia – APERTURA TESSERAMENTO 2011-12

30 settembre 2011

TUTTA ITALIA, QUI PRESENTIAMO LA PIATTAFORMA NAZIONALE E LOCALE, IN ALLEGATO IL VOLANTINO E MANIFESTO DELLA CAMPAGNA.

 

Studenti per le Libertà – Scuola è un’associazione studentesca nuova e innovatrice che entra a far parte del panorama studentesco e politico portando con se però una tradizione ormai decennale, prima con Alternativa Studentesca eravamo presenti praticamente in tutto il territorio nazionale, oggi stiamo ridando un riassetto terrioriale. Nasciamo dalla volontà di offrire agli studenti un’alternativa credibile alle sinistre e ai sindacati che ormai hanno fatto delle scuole il loro terreno. Siamo una struttura capillare sul territorio, democratica, indipendente e politicamente facciamo riferimento al centro-destra e in particolare al PdL, ci rifacciamo a un liberalconservatorismo e a un forte anticomunismo anche se siamo aperti a tutti gli studenti di qualsiasi idea politica che condividano il nostro manifesto programmatico. Siamo l’associazione maggiormente rappresentativa degli studenti italiani per numero d’iscritti e di rappresentanti eletti dagli studenti. Interverremo assiduamente a livello mediatico e istituzionale come sempre sulle questioni tutte che riguardano gli studenti superiori fungendo da megafono delle loro richieste, mettendo in atto numerose iniziative.

  

Qui sotto trovate il “manifesto programmatico e valoriale” della nostra associazione e in allegato il volantino della campagna nazionale.

Le nostre missioni… 

 

Siamo l’associazione degli Studenti Liberi.

Ci riconosciamo nelle politiche liberali che favoriscono la capacità di operare nella società dell’uomo e quindi degli studenti.

Vogliamo una riforma della scuola che valorizzi il merito e sproni studenti, docenti e dirigenti a dare il massimo per le proprie comunità scolastiche.

Sosteniamo che sia essenziale nel processo di modernizzazione della scuola coinvolgere gli studenti. E non a giochi fatti. Sempre più spesso vediamo parlare di scuola manager, burocrati o contabili che non entrano in una scuola da decenni; crediamo che in ogni passaggio istituzionale sul sistema scuola debbano essere chiamati in causa, tramite le loro rappresentanze e le loro organizzazioni, i soggetti di diritto: gli studenti.

Crediamo nella libertà di scegliere la propria via formativa, così come garantito dall’art. 33 della Costituzione.

Chiediamo allo Stato di tutelare per tutti il diritto all’istruzione e di prevedere un sistema più efficace di borse di studio che premi, in particolare, i più meritevoli.

Siamo convinti che sia fondamentale lo scambio con i nostri colleghi esteri. Sosteniamo i programmi previsti dall’Unione Europea di mobilità delle esperienze e delle conoscenze.

Sentiamo il bisogno di partecipare alla vita e al dibattito pubblico per dare il nostro Libero contributo alla società che verrà.

Proponiamo anche un miglioramento qualitatativo della didattica e dei bilancio economico dell’Istruzione pubblica italiana attraverso l’intervento dei privati in questo settore.

Vogliamo una scuola che sia realmente e seriamente trilingue (italiano, tedesco e inglese) in Alto Adige e bilingue (italiano e inglese) nelle regione speciali, come in tutta Italia, per dare un’indirizzo moderno e internazionale alla formazione degli Studenti.

 

GRAZIE MILLE,

 

SEGRETERIA

 

Alessandro Bertoldi

 

Presidente nazionale

Studenti per le Libertà

SCUOLA

SPL, Bertoldi: “Bene Durnwalder su ferie studenti. Ora via a scuola trilingue.”

30 settembre 2011

Studenti per le Libertà, associazione maggiormente rappresentativa degli studenti in Italia e in Alto Adige degli studenti di lingua italiana, politicamente vicina al PDL, interviene per voce del Presidente Nazionale, Alessandro Bertoldi, nel merito del dibattito scaturito in questi giorni a proposito di bilinguismo e dei giorni di ferie. Intervengo da studente altoatesino e rappresentante, ritenendo sia produttivo garantire agli studenti una maggiore serenità, appoggio quindi la proposta del Presidente Durnwalder, che prevede l’accorciamento delle ferie estive e il sabato libero durante l’anno scolastico. Come associazione sosteniamo da tempo che una settimana di 6 giorni per gli studenti più giovani, ma anche per quelli della scuola superiore, sia eccessivamente stressante e impegnativa specie nei periodi laddove non vi sono festività speciali e o ponti. Trovo invece interessante l’idea di lasciare come vacanza estiva i mesi di luglio e agosto, che ritengo più che sufficienti per riposo e vacanze, e piuttosto di ridurre le ore settimanali a seconda del corso di studi, quindi nella maggior parte dei casi di cancellare dal calendario settimanale il sabato. Una proposta di questo tipo, non dovrebbe trovare molti oppositori, anche perchè soprattutto garantirebbe agli studenti una maggiore serenità durante l’anno, che intelligentemente potranno tenere la domenica come giorno di riposo e il sabato dedicarlo magari allo studio casalingo, o viceversa, così come avviene in più parti d’Italia e d’Europa. Ribadisco quindi il nostro sostegno alla proposta SVP, restanto del tutto stranito e incuriosito di quali possano essere le motivazioni di una contrarietà e in particolare di quella dell’Assessore Tommasini. Torno invece per quel che riguarda il bilinguismo a scuola a ribadire la proposta, che marcheremo anche con iniziative durante l’anno 2011-2012, di una scuola moderna che guardi quindi al futuro e a un trilinguismo, che includa lo studio di discipline in lingua italiana, tedesca e inglese in uguale misura, perchè al di fuori della nostra terra e del nostro Paese non sono italiano o tedesco a contare, ma soprattutto la conoscenza della lingua inglese. Alessandro Bertoldi Presidente nazionale Studenti per le Libertà SCUOLA Dirigente provinciale Popolo della Libertà .