Archive for agosto 2010

I valori di Democrazia e Libertà non sono al servizio della Giunta comunale di Bolzano. Garantire Libertà di espressione.

21 agosto 2010

I valori di Democrazia e Libertà non sono al servizio della Giunta comunale di Bolzano. Garantire Libertà di espressione condannandone i contenuti.

 Intervengo sulla questione del concerto del gruppo “neo-fascista” organizzato da CasaPound.

  Ancora una volta la Giunta comunale di Bolzano come massima rappresentate del “sistema” prova a limitare le libertà altrui, per deviare come sua abitudine l’attenzione dai veri problemi della Città, inventando storielle o credendo alle voci che parlavano di un “concerto fascista vicino all’ex Lager”, il sindaco logicamente senza verificare le voci, assieme ai colleghi di giunta si è lanciato intervenendo con la sua solita retorica deludente e tra le peggiori oltre che priva di valori, anche antifascisti. Mai nessuna richiesta di concerto in quella zona fino a oggi è pervenuta a nessun ufficio istituzionale preposto. Quindi polemica del tutto strumentale, utile solo ad alcuni.

 La Libertà è un valore nobile che non presta servizio per nessuno, ma soprattutto che non si piega a nessuno, tantomeno al sindaco di Bolzano e ai suoi che vogliono cavalcare l’onda.

 Concludo dicendo che, come liberale italiano e conservatore non posso far altro che condannare i contenuti che verranno espressi e le idee anticostituzionali del gruppo, ma mi sento in dovere di sostenere che questi possano esprimersi liberamente come chiunque altro, comunista o fascista che sia ha sempre fatto, nei limiti della legge. Anche perché com’è noto, non è opprimendo le libertà e le volontà che si combattono gli estremismi, anzi è esattamente il contrario, vietandoli li si rende più accattivanti agli occhi di molte più persone, specie giovani.

 Quindi finché la manifestazione sarà organizzata senza intenti provocatori e offensivi, saremo d’accordo affinché si svolga, pur condannandone i contenuti.

Alessandro Bertoldi

Coordinatore provinciale Giovani PdL – GI (more…)

G-PdL – Bertoldi, Cossiga: “Un uomo che dovrà essere preso come esempio dalla futura classe dirigente.”

17 agosto 2010

Il Coordinatore provinciale dei Giovani del PdL per l’Alto Adige e presidente degli studenti di Alternativa Studentesca, Alessandro Bertoldi, appreso della morte del Sen. Francesco Cossiga, interviene per ricordare il Presidente emerito della Repubblica “E’ stato un esempio di rettitudine, serietà, trasparenza e ha rappresentato anche nel nostro periodo storico l’emblema di una politica di qualità valoriale che oggi forse per certi aspetti va scomparendo.” Bertoldi conclude “Quindi come Giovani del PdL e come Studenti, ma anche come altoatesini lo ricorderemo sempre per l’approccio significativo che aveva con i giovani e per quei saggi interventi anche sulle tematiche riguardanti la nostra terra. Saranno immagini che non moriranno mai in noi.”

La Segreteria provinciale.

Alessandro Bertoldi

Fini – Togliatti: due diversi, così uguali, forse i “migliori”…

12 agosto 2010

Un Silvio parlante!

Devo molto alla mia memoria e alla bella abitudine di ritagliare alcuni articoli con la strana sensazione che un giorno possono tornare più che utili,direi attuali. Negli ultimi periodi ci stavamo meravigliando sempre di più dello strano atteggiamento e delle ambigue posizioni che prendeva il presidente della Camera dei Deputati on.Gianfranco Fini nei confronti della maggioranza, di Berlusconi e verso il Pdl che lui stesso aveva contribuito a far nascere. Qualcuno attribuiva la colpa di questo modus operandi alla nuova compagna dell’onorevole,la signora Tulliani. Niente di tutto questo. Basta tornare indietro di alcuni anni,sei per l’esattezza, il 2004 e leggersi cosa diceva e scriveva di lui una delle più grandi giornaliste che abbiamo avuto l’onore di avere, Oriana Fallaci.

“Sig.vicepresidente del Consiglio,Lei mi ricorda Palmiro Togliatti.Il comunista più odioso che abbia conosciuto….Non a caso quelli della sinistra la trattano con tanto rispetto,anzi con tanta deferenza,su di lei non rovesciano mai una parola sgarbata,a lei non rivolgono mai la benchè minima accusa.Come Togliatti è un gelido calcolatore e non fa mai nulla,non dice mai nulla,che non abbia ben soppesato ponderato vagliato per sua convenienza. ( E meno male che nonostante tanto riflettere,non ne imbrocca mai una). Come Togliatti sembra un uomo tutto d’un pezzo,un tipo coerente,ligio alle sue idee e invece è un furbone.Un maestro nel tenere il piede in due staffe.Dirige un partito che si definisce di destra e gioca a tennis con la sinistra.Fa il vice di Berlusconi e non sogna altro che detronizzarlo,mandarlo in pensione.”

Chissà come se la sta godendo da lassù.Immagino il suo pensiero: Idioti,ve l’avevo detto…!

 di

Gianni Cicconi

AS & G-PdL, Bertoldi: “Chiederemo al ministro Gelmini di intervenire contro quel diario offensivo e provocatorio!”

11 agosto 2010

Alternativa Studentesca – Giovani PdL, Bertoldi: “Chiederemo al ministro Gelmini di intervenire contro quel diario offensivo per gli altoatesini e la storia stessa!”

L’ ennesima provocazione della Sued-Tiroler Freiheit ci lascia del tutto senza parole, siamo arrivati al punto che questo partito, o meglio definibile come gruppo di fanatici secessionisti, entri a tutti gli effetti nelle nostre scuole per contaminare e minacciare la pacifica convivenza tra studenti e giovani attraverso un “Diario Tirolese” (così lo hanno chiamato). Diario che consiste in una volgare e offensiva narrazione e rappresentazione ridicolizzata della storia e della situazione geopolitica non solo dell’Alto Adige, ma anche del resto d’Italia e d’Europa, che palesemente non corrisponde minimamente al reale.
Il culmine lo si ha con gli encomi e le gratificazioni ai terroristi autori degli attentati dinamitardi nell’Alto Adige del dopoguerra, la loro lotta viene paragonata addirittura a quella dell’eroe Marthin Luther King, simbolo della lotta pacifica per i diritti e le libertà della popolazione afro-americana.

Crediamo fortemente che debbano essere presi forti provvedimenti nei confronti di questo “diario” e dei suoi ideatori e promotori da parte della provincia, così che quest’ultimo non venga stampato e non entri nei nostri istituti a creare spaccature o a fomentare odio trai gruppi etnici-linguistici.
In caso contrario come associazione nazionale che siede al Ministero della Pubblica Istruzione e al Forum delle Associazioni maggiormente rappresentative, e come Movimento politico giovanile del Popolo della Liberta’ chiederemo l’ intervento del ministro Mariastella Gelmini, perché appunto questo “diario” sia bandito nelle scuole come oggetto non consono all’educazione e alla formazione degli studenti di ogni tipo, ordine e grado di scuola altoatesina.

Ringraziando vivamente per la Cortese attenzione.

Alessandro Bertoldi

Presidente provinciale
Alternativa Studentesca
Bolzano

Coordinatore provinciale
Giovani Popolo della Liberta’
“Giovane Italia”
Alto Adige – Bolzano

Casa di Montecarlo, Fini spiega le sue ragioni ma non convince tutti, anzi, forse nessuno.

11 agosto 2010

Dopo giorni di silenzio Gianfranco Fini prova a spiegare la sua verità sulla casa a Montecarlo. Vicenda intricata e imbarazzante: come noto la casa era stata donata da una nobildonna romana ad An. Poi venduta sottocosto a una società off-shore, con sede nel paradiso fiscale di Saint Lucie, nelle Grenadines. Poi finita in affitto a Giancarlo Tulliani, il fratellino prediletto di Elisabetta, compagna di Fini. RISPOSTE INCOMPLETE – Spiegando le sue ragioni Fini non ha perso l’occasione per sottolineare il fatto che, in trent’anni di impegno parlamentare non ha mai avuto problemi con la giustizia: un messaggio non cifrato a Berlusconi. Ma non ha risposto a due domande che tutti si pongono: come mai in quella casa che An ha venduto, è andato in affitto proprio il fratello della sua compagna? E soprattutto: chi si nasconde dietro il paravento di quella società off-shore? Fonte (OGGI News).

Un Silvio parlante, parla il Cicconi!

Un antico proverbio dice: Mai sputare in alto….Potrebbe caderti addosso.. Caro Fini,quello che non succede in trent’anni può accadere in un attimo.E’ vero,tutti abbiamo i nostri scheletri nell’armadio,ma qualcuno potrebbe nascondere cimiteri. Ad maiora…

di

Gianni Cicconi

PETIZIONE per le dimissioni di FINI, FIRMA!

10 agosto 2010

Se anche per Te è venuta meno la fiducia che avevi riposto nel Presidente della Camera Gianfranco Fini e vuoi che si dimetta, segui le indicazioni riportate qui sopra,

ADERISCI e FIRMA ANCHE TU!

Iniziativa pubblica promossa dal quotidiano il Giornale e dal direttore Feltri.
FONTE

La verginella..(..che poi tanto vergine non è!)

9 agosto 2010

Un Silvio parlante, parla il Cicconi!

Trovo questa intervista di una freddezza unica . Brava Santanchè. Crea un quadro di Fini veramente disarmante!

commento & proposta

di

Gianni Cicconi

L’articolo è stato riportato anche su  WIKIO .