AS, Bertoldi: “La manifestazione di Blocco Studentesco è da considerarsi positiva, anche se non ne condivividiamo i contenuti!”

COMUNICATO STAMPA

Dichiarazione del presidente provinciale di Alternativa Studentesca, Alessandro Bertoldi, a proposito della manifestazione indetta e organizzata da Blocco Studentesco dal titolo “La riforma la facciamo noi, giovinezza al potere!” tenutasi questa mattina a Bolzano: “Blocco Studentesco, al contrario di altri, oggi ha dato una grande prova di maturità di lotta associazionistica – politica e studentesca che gli fa onore, non si sono ne letti ne sentiti slogan contro nessuno e contro niente, ma solo proposte all’insegna dello spirito propositivo e non distruttivo che i giovani e gli studenti in specie dovrebbero mantenere” Bertoldi continua “Il messaggio era chiaro, il Blocco ritiene che alcuni indirizzi scolastici come quelli professionali o alcune varianti della scuola tecnica, almeno in Alto Adige debbano rimanere e non essere aboliti come prevede parte della Legge Gelmini, perchè, sempre il Blocco ritiene che, la situazione altoatesina sia completamente diversa da quella nazionale e che il mantenimento di questi indirizzi (più che altro degli istituti Galilei e De Medici a Bz) sia necessario. La manifestazione è partita da piazza 4 novembre per arrivare poi a palazzo Widmann (sede della presidenza della Giunta Provinciale) quello del Blocco è quindi un messaggio diretto ai vertici provinciali (Tommasini e Durnwalder) e alla giunta che dovrebbe il prossimo anno quando sarà costretta ad applicare la Riforma, decidere che modifiche apportare e quali direttive mettere in atto e quali invece trascurare seguendo le competenze provinciali (comp. secondaria) in materia di scuola ed istruzione.

Il presidente Bertoldi conclude: “Come associazione possiamo in sintesi ritenerci soddisfatti del format e dei toni propositivi adottati e sostenuti da Blocco Studentesco oggi pur non condividendo la posizione, la richiesta e i principali contenuti della manifestazione in quanto non avvertiamo in questo senso una seria motivazione per la quale l’Alto Adige (la scuola italiana) debba restare esente da queste disposizioni previste dalla Riforma.

Grazie mille per l’attenzione.

LA SEGRETERIA

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: