Archive for aprile 2010

LAIVES – PINETA – SAN GIACOMO / LEIFERS

26 aprile 2010

RICORDA: è il BALLOTTAGGIO il 30 maggio VOTA BIANCHI sindaco

BOLZANO – BOZEN

19 aprile 2010

 

Perchè il centro – destra deve vincere in Alto Adige:

Detto da me che coordino l’attività del movimento politico giovanile del più grande partito del centro- destra, il Popolo della Libertà, potrebbe risultare inutile retorica a fine propagandistico, ma non è così, le coalizioni di centro destra che dominano le campagne elettorali in questi giorni devono vincere il maggior numero di comuni dove gli Italiani sono la maggioranza e ora Vi spiegherò il perchè.
Il Popolo della Libertà è il partito che raccoglie maggior consenso in Alto Adige tra gli Italiani di lingua italiana ed è oggi la più grande realtà politica, è di fatto il partito che si può dire rappresenti di più gli Italiani di questa terra, ma è anche uno dei pochi partiti (come FI e AN prima) che non ha mai contribuito a governare nulla all’interno della nostra provincia, in nessuna sede istituzionale.
Io credo che per la Suedtiroler VolksPartei sia quindi arrivato il momento di confrontarsi con gli Italiani e quindi attraverso questo partito, che gli piaccia o no è arrivato il momento, un momento costruttivo che tutti devono essere capaci a cogliere.
Bisogna anche parlare del “modo” con cui ci si intende confrontare, si vuole dettar legge o ricattarsi a vicenda o istituire un serio e sano laboratorio d’idee tenendo conto del fatto che si parla tra persone che rappresentano ognuno la sua fetta di elettorato? Io credo l’unico “metodo o modo” per incontrarsi e dialogare sia quello di convincersi che si sta tutti sulla stesso gradino e che tutti hanno una dignità, insomma un dialogo sulla base di parità e uguaglianza. Io credo realmente che questa alleanza forte, ma anche leale sia possibile a Bolzano con Oberrauch, a Laives con Bianchi, a Merano con Benedetti, a Bressanone con Vezzali e in molte altre realtà, anche più piccole, della nostra magnifica terra, per una convivenza serena e costruttiva dove nessuno è schiavo di nessuno.

Alessandro Bertoldi
Giovani PdL

Le Bugie castriste hanno OGGI le Gambe più corte

11 aprile 2010

L’ultimo discorso apparentemente ben articolato da Raúl Castro al congresso della Gioventù Comunista non lascia alcun dubbio della disperazione che prova la gerontocrazia dinastica e comunista castrense a Cuba, perché ha capito che con i progressi della tecnologia non potrà raccontare più le solite frottole che hanno spifferato da più di mezzo secolo. Raul rimane vittima della trappola fabbricata dal fratello Fidel più di mezzo secolo fa. Vi posso garantire – e sarà la storia testimone di tale affermazione – che Castro nella seconda metà del XX secolo ricostruisce il connotato che fece diventare famigerato Goebbels. Per ciò ho capito che la più efficace battaglia contro il regime è quella di seguire ogni frase dei suoi anchilosati difensore e soprattutto quelle che emanano adesso dall’ incapace fratello del migliore discepolo di Goebbels per smontarle una dopo l’altra: “ La Revolución no dejará a nadie desamparado” (La rivoluzione non lascerà nessuno indifeso). Le notizie che grazie al progresso della tecnologia giungono da Cuba negano in maniera esplicita la affermazioni di Raul Castro: uno schiaffo alla criminale disinformazione con cui il regime cubano mediante l’uso del filtro della censura ha contaminato la storia: io la chiamo killer mediatico.

Negli ultimi mesi, tra tanti avvenimenti il mondo ha osservato le nefandezze castriste:

– Gruppi di persone guidate d’agenti dei servizi segreti che invece di andare a produrre o a leggersi un libro passavano ore davanti alla residenza del dissidente Vladimiro Roca a gridare offese e lanciare oggetti all’abitazione del signore Vladimiro. E in qualche occasione sono entrate ad aggredire direttamente Vladimiro e le donne che lo accompagnavano al digiuno in protesta alle violazioni costante da parte del regime (le violazione sono i 30 articoli della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo di cui fa spesa tutta la POPOLAZIONE INDIFESA).
– Con impotenza abbiamo visto come gruppi della ciurma castrista (portano a volte anche persone limitate mentalmente ad aggredire i suoi concittadini) hanno maltrattato i blogger e pure il marito di Yoani Sánchez.
-Hanno maltrattato e perseguitato il coraggioso dissidente Jorge Luis García Antúnez) , sua moglie e altre donne del suo gruppo.. Antúnez scontò 17 anni di prigione, ma la sua decisione di lottare pacificamente e di non abbandonare il paese da molto fastidio e timore al regime.
– Hanno maltrattato le “Damas de Blanco”, familiari dei prigionieri politici
-Hanno lasciato morire il dissidente Orlando zapata Tamayo (e meno male che la Rivoluzione non lascia nessuno indifeso). Qualche ora prima della sua morte lo hanno condotto all’ospedale dell’Avana. In precedenza gli avevano negato l’acqua durante 18 giorni. Ma, qualche mese prima aveva subito un brutale pestaggio, occasionandogli lesioni interne alla testa, per cui è stato operato in prigione.
– Dopo la morte di Zapata, la madre e la sorella e alcune donne delle Damas de Blanco sono state pestate sulle strade dell’Avana.
– Qualche ora prima del discorso del fratello del Bugiardo en jefe al congresso del Gioventù, la madre di Zapata e altri dissidenti erano aggrediti dalla ciurma castrista nella città di Banes, mentre si recavano in chiesa. La signora Reina Tamayo ha individuato una infermiera che l’ha colpiva con un bastone sulla spalla e alla altezza del gomito (e meno male che nessuno è indifeso a Cuba) intanto il gruppo di dissidenti si recava in chiesa.
– Continuano i pestaggi a prigionieri nelle prigioni castriste. E le condizioni di vita dei detenuti sono completamente disumane. Il castigo per chi si rivela consiste tante volte nell’isolamento in celle in cui appena ci sta un essere umano. Di conseguenza molti – anche se lo nega il regime – optano per il suicidio. In una sola prigione del centro di Cuba, in due anni si sono suicidati sedici reclusi.
– Raul Castro – già simili giustificazioni le avevano scritte due servili giornalisti del regime, sul giornale Granma – ha detto che loro non sono responsabile della morte – in caso questa dovesse accadere – del dissidente Fariñas, ormai da più di quaranta giorni in sciopero della fame. Invece per responsabilità del regime che non accetta le richieste dei scioperanti e di milioni di persone e di molte organizzazioni di diverse latitudine possono morire varie persone della stessa maniera in cui morì Orlando Zapata perché ormai sembra che alcuni dissidenti facciano la fila per sostituire Fariñas in caso questo dovesse morire. Il dissidente, professore- ingegnere Felix Bonne Carcasés, ha dichiarato già da più di un mese la sua decisione di sostituire Fariñas. Ma Raul con le sue parole ha condannato a morte il dissidente Fariñas. Noi tutti dobbiamo lottare per evitare che questo accada. E come ha chiesto Fariñas dobbiamo denunziare il suo assassinio, che in pratica sta autorizzando Raul Castro e pure la morte di Zapata. Dice Farinas che ai governi e parlamenti del mondo bastano gli argomenti per portare la dittatura cubana al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

Parlando in nome di milioni di persone che non possono scegliere i suoi governanti in liberi elezioni, Raul Castro usando una pericolosa metonimia (si riferisce al paese), disse: Antes prefiere desaparecer como lo demostramos en 1962 (prima preferisce sparire – il paese – come l’abbiamo dimostrato nel 1962). Allora, prima Fidel, adesso è Raul il padrone della vita di milioni di persone, senza che esse possano decidere o difendersi. Decidono pure sulla sorte dei nostri vicini del nord e Sudamerica: la crisi dei missili a cui fa riferimento Raul rimane una delle più irresponsabili follie che un politico abbia mai concepito. Comunque questa arroganza dei Castro indirettamente, equivale a dire al mondo: la causa del regime cubano è completamente indifendibili. Chi osa difenderci è un idiota. Ma il regime cerca di giustificare la morte dei dissidenti accusandoli di modo infame; chiamandoli delinquenti, pure dopo la morte di che compie uno dei sacrifici più ammir,evoli (avventurare la vita per la libertà) perche, ribadisco, il castrista, è “l’unico regime nella storia dell’umanità che non ha opposizione”. Perché loro, gli esponente di un governo illegittimo, non accettano che persone oneste li contestino; loro devono sostenere che gli oppositori al loro “paradiso” sono solo gli americani; e cercano con i suoi alleati in tutto il mondo– sempre in diminuzione – di screditare ogni forma di contestazione. I Castro, diranno fino alla morte, anche se resta una colossale assurdità e un cinismo senza limiti di immoralità, che i dissidenti sono mercenari. Ormai non hanno più alternative. Ma il mondo deve sapere che il vero mercenario è stato il regime cubano, che ha distrutto un paese capace e in testa alle graduatorie di sviluppo di America Latina prima dell’avvento castrista, sprecando i più di cinque miliardi di dollari che Unione Sovietica mandava ogni anno a Castro; in guerre di tutto il mondo dove mandava a morire giovanissimi ragazzi cubani con soldi dei contribuenti sovietici. Adesso i castristi hanno davanti altra missione diabolica far diventare, come ormai lo è la Venezuela di Hugo Chávez, come una volta lo fecero con l’URSS.

Con pazienza smonteremo le menzogne del castrismo usando solo l’induzione. Le proprie parole e azioni del regime. Il mondo a volte è negligente ma l’ingiustizia fa sollevare pure i più ingenui e pacifici.

Carlos Carralero,

Milano aprile 2010

AS, Bertoldi: “La manifestazione di Blocco Studentesco è da considerarsi positiva, anche se non ne condivividiamo i contenuti!”

10 aprile 2010

COMUNICATO STAMPA

Dichiarazione del presidente provinciale di Alternativa Studentesca, Alessandro Bertoldi, a proposito della manifestazione indetta e organizzata da Blocco Studentesco dal titolo “La riforma la facciamo noi, giovinezza al potere!” tenutasi questa mattina a Bolzano: “Blocco Studentesco, al contrario di altri, oggi ha dato una grande prova di maturità di lotta associazionistica – politica e studentesca che gli fa onore, non si sono ne letti ne sentiti slogan contro nessuno e contro niente, ma solo proposte all’insegna dello spirito propositivo e non distruttivo che i giovani e gli studenti in specie dovrebbero mantenere” Bertoldi continua “Il messaggio era chiaro, il Blocco ritiene che alcuni indirizzi scolastici come quelli professionali o alcune varianti della scuola tecnica, almeno in Alto Adige debbano rimanere e non essere aboliti come prevede parte della Legge Gelmini, perchè, sempre il Blocco ritiene che, la situazione altoatesina sia completamente diversa da quella nazionale e che il mantenimento di questi indirizzi (più che altro degli istituti Galilei e De Medici a Bz) sia necessario. La manifestazione è partita da piazza 4 novembre per arrivare poi a palazzo Widmann (sede della presidenza della Giunta Provinciale) quello del Blocco è quindi un messaggio diretto ai vertici provinciali (Tommasini e Durnwalder) e alla giunta che dovrebbe il prossimo anno quando sarà costretta ad applicare la Riforma, decidere che modifiche apportare e quali direttive mettere in atto e quali invece trascurare seguendo le competenze provinciali (comp. secondaria) in materia di scuola ed istruzione.

Il presidente Bertoldi conclude: “Come associazione possiamo in sintesi ritenerci soddisfatti del format e dei toni propositivi adottati e sostenuti da Blocco Studentesco oggi pur non condividendo la posizione, la richiesta e i principali contenuti della manifestazione in quanto non avvertiamo in questo senso una seria motivazione per la quale l’Alto Adige (la scuola italiana) debba restare esente da queste disposizioni previste dalla Riforma.

Grazie mille per l’attenzione.

LA SEGRETERIA

4 aprile 2010

ESCLUSIVA: “Le eclatanti menzogne del castrismo” di Carlos CARRALERO

3 aprile 2010

ESCLUSIVA documentazione e testimonianza anticomunista cubana e anticastrista SOLO per il nostro blog dal rifugiato politico ed intellettuale cubano in Italia CARLOS CARRALERO. 

LE MENZOGNE SU CUI SI FONDA IL CASTRISMO

…sono 5 e dicono tutto!

1) A Cuba non si tortura,

2) A Cuba non si uccide,

3) A Cuba non c’è opposizione al regime,

4) Cuba pratica l’internazionalismo proletario

5) La colpa della miseria e di certi atti punitivi da parte del regime è dell’embargo e dell’assedio degli Stati Uniti.

________________________________________________________

…per approfondire e acquistare il libro (qui sotto) CLICCA QUI

di Carlos Carralero

Queste sono le affermazioni dell’erede del Bugiardo en Jefe, che eredita non solo il potere, ma anche una delle professioni (delle grandi attitudini) del fratello, la mitomania. L’unica cosa che non ha trasmesso il “Mitomegalomane en Jefe” al suo tenero fratellino è lo stile per sputare raffiche di menzogne, producendo nell’interlocutore una sorta di malefico incantesimo che spesso mortifica la sua intelligenza. Raúl Castro è diventato mostruoso non perché avesse le capacità innate per essere mostro, lo è perché è sempre stato un fantoccio del fratello, che, lui sì, aveva i geni della mostruosità. Non ho tanta urgenza di dimostrarlo, perché più argomenti di quelli che potrei fornire io, ce li fornisce la storia del castrismo stesso. E per capirl basterebbe solo una minima dose di onestà, di intelligenza e di assenza di pregiudizi. Chiaro? Raúl Fantoccio Castro (che dopo tutto, non è Castro bensì Mirabal, e questi sono pettegolezzi, di cui ora preferisco non occuparmi) sta copiando il vizio di bombardare con le vecchie menzogne del fratello (per linea materna), erede del dinastico totalitario potere castrista. Ripete il fantoccio che a Cuba non si tortura, ma lui, codardo, si permette di affermarlo cinicamente perché sa che i cubani non possono più parlare con i morti, che i castristi, prima di ucciderli, hanno torturato; nemmeno con i sopravvissuti possono parlare, visto che dopo anni di tortura in prigione, costoro già appartengono all’aldilà. E neppure con le vittime più famose, sopravvissute alle torture, che ora vivono all’estero. Ad esempio, il comandante Hubert Matos che vive in esilio dopo aver scontato la lunga pena di 20 anni nelle carceri dei suoi ex-compagni, i fratelli Castro. Seconda menzogna. A Cuba non si uccide. Molte sono le testimonianze. Non solo quelle depositate nel libro di Pedro Corzo, pubblicato dalla casa editrice Spirali, ma anche quelle assai preziose che risalgono ai primi mesi della rivoluzione – la chiamano “robo-ilusión “- nel libro di padre Arzuaga, un cappellano che perduta la fede gettò le veste di sacerdote per poi pagare nel corso degli anni il suo debito con i cubani fucilati, scrivendo un libro di memorie sul carcere de La Cabaña a La Habana, dove Che Guevara, con il sigaro in bocca, ordinava le fucilazioni degli imputati ancora prima del processo. Ascoltate pure l’imputato, se volete, ma l’importante, non è l’argomento, bensì se conviene uccidere. Altrettanto faceva Raúl Castro a Santiago de Cuba. Un giorno si divertì a ordinare ai condannati di aspettare la morte sul bordo di un canale nei pressi del fiume San Juan, allo scopo di evitare a suoi seguaci la fatica di scavare la fossa. Bisogna ascoltare le madri che trovano il coraggio di denunciare i crimini commessi contro i loro figli, o quelle meno coraggiose che si lamentano perché i loro figlioli giovanissimi sono stati uccisi in guerre in paesi africani: in Algeria, Etiopia e pure Angola, dove Castro mantenne un esercito di occupazione da ben 15 anni, e molti altri luoghi meno noti alla stampa mondiale. In America Latina, Castro ha evitato solo il Messico perché i governanti di questo paese sono stati i suoi eterni alleati in America Latina. Montoneros, Macheteros, Tupamaros, Farabundo Martí, Sandinisti, Nueva Joja, sono alcuni dei nomi di organizzazioni o guerriglie dove il dittatore ficcò il naso in America Latina. Per compiere queste nefandezze, Castro doveva portare a Cuba la fame e il lutto. Mentre il suo sporco alleato sovietico, mandava come fosse acqua fiumi di miliardi di dollari, Castro si occupava di esportare la sua ”roboillusione” e di trasformare uno dei paesi più progrediti dell’America Latina negli anni Cinquanta, nell’isola della miseria: spirituale e materiale. La terza menzogna, anch’essa facile da smontare, riguarda l’opposizione. Non esiste opposizione, dice Castro. Per chi non lo sapesse, dovrei dire che con gli stessi metodi con cui Castro costrinse molti cubani a combattere Batista, alcuni oppositori hanno combattuto lui negli anni tra il 1960 e 1966, soprattutto sui monti dell’ Escambray (luogo ben noto a molti turisti, perché si trova tra le città di Cienfuegos e Trinidad). Ma con metodi brutali e con il solito eufemismo e le bugie, Castro sterminò questi dissidenti. Prima disse al mondo e ai poveri ingenui cubani che coloro che lo combattevano erano dei banditi, e definì quel periodo storico eufemisticamente: Lotta contro i banditi. Ma la cosa peggiore non fu l’eufemismo del Bugiardo en Jefe, bensì il metodo brutale con cui trattò i suoi ex-compagni che usavano le stesse armi con cui lui aveva combattuto Batista. Saturno, allora, li isolò, internando i loro familiari e amici in campi di concentramento nella provincia più occidentale del paese, Pinar del Río. Con questi metodi Castro impediva il rifornimento di armi, cibo e medicinali ai partigiani. Ma i pochi che sopravvivevano a tale crudeltà, non potevano vedere i loro familiari, non sapevano nemmeno dove fossero i loro cari. Una delle tante forme del regime per divorare i propri figli. Migliaia di cubani sono scomparsi nello stretto della Florida. Alcuni erano dissidenti attivi, altri cubani che non accettavano il regime e cercavano di scappare. Si stima che su ogni quattro persone che rischiano una simile avventura, almeno uno perisce. Sono più di settantamila i morti in quel tratto di mare. Ma le morti più drammatiche furono quelle del 1980 nei pressi del fiume Canimar, vicino a Varadero, spiaggia che gli europei si godono, anche se poi, non solo ci negano l’aiuto, ma per di più ci smentiscono quando raccontiamo il nostro terribile dramma. Nel 1980 un gruppo di cubani tentò di scappare su una barca e il governo ordinò di sparare, l’ordine fu dato dal segretario del Partito Comunista della provincia di Matanzas, tale Julián Rizo. La seconda tragedia si verificò il 13 luglio 1994, su una barca chiamata “13 marzo” (13 è un numero fatidico per i cubani, anzi tragico, perché un 13 agosto nacque il Saturno cubano). Questa volta il crimine fu più orrendo perché su questa barca morirono anche circa 20 bambini, il più piccolo aveva solo sei mesi. Ma la vicenda è ancora più tragica perché la guardia costiera cubana fece affondare il rimorchiatore dove si trovavano i fuggiaschi con i bambini. Le madri pregarono i poliziotti di salvare almeno i loro figli: per tutta risposta, i soldati strapparono i bambini dalle braccia delle madri con i getti d’acqua delle pompe. Difensori del castrismo, ditemi se un regime così ha la morale per continuare a governare. Penso che le migliaia di morti cubani non possano essere giustificate da coloro che odiano gli americani, solo perché Castro è il presunto nemico del loro nemico. Non è serio condannare Pinochet e salvare Castro. NO, no! Quando Castro ebbe compiuto la sua missione di sterminio di coloro che un tempo erano stati suoi compagni di lotta, a Cuba regnò per molti anni il terrore, quindi il silenzio. Fino al 1976, quando Gustavo Arcos Bergnes, (che nel 1953 era stato compagno di Castro nell’avventura dell’assalto alla caserma Moncada e si trovava in carcere per opposizione al regime) insieme a Riccardo Bofil, (che dopo aver scontato 12 anni di carcere ora vive in Florida) e altri amici hanno fondato la prima organizzazione pacifica a Cuba, il Comitato Cubano per i Diritti Umani. Da allora sono tante le organizzazioni di diritti umani fondate a Cuba, ma essendo totalmente illegali per il regime e quindi perseguitate, sono molto deboli. Alla fine del mese di febbraio, una parte della nazione cubana si è commossa per la morte di Orlando Zapata Tamayo, detenuto in carcere per reato di opinione. Zapata non era stato condannato insieme al gruppo dei 75 dissidenti nel 2003, bensì qualche mese dopo. Perché? Perché il regime lo aveva sottovalutato e discriminato. Menzionando i più noti, il regime tentava di far credere ai cubani e al mondo intero che coloro che avevano processato con un giudizio sommario, erano agenti della CIA. Nel 1999, il governò emanò una legge (legge 88, chiamata “mordaza”, cioè legge del bavaglio). Con questa legge volevano non solo giustificare le proprie azioni repressive, ma anche proteggersi dalla critica internazionale, perché la legge in sintesi condanna i nemici dello Stato e della Rivoluzione per collaborazione con il nemico e per aver messo a repentaglio la sovranità di Cuba. Con questa legge si colpiscono gli stranieri che informano sugli avvenimenti di Cuba, accusandoli di propaganda contro il regime. È per questo che i corrispondenti a Cuba esitano a dare le notizie più compromettenti per il regime. Sempre per questo motivo un altro dissidente accusato nel 2003, Ariel Sigler Amaya, oggi sta morendo, in un ospedale dell’Avana, mentre la stampa accreditata a Cuba non scrive nemmeno una riga su questo dramma. La madre di Sigler, una delle esponenti delle Damas de Blanco che protestava sulla sedia a rotelle, prima di morire ha fatto un appello all’opinione pubblica affinché salvassero suo figlio. Che sta lentamente morendo di fame: ha già perso circa 60 chili di peso. Possiamo chiederci per quale motivo Castro neghi l’esistenza di un’opposizione. La verità è che Castro sta applicando un consiglio machiavellico, che dice più o meno così: quando vuoi sconfiggere un nemico concentra tutte le tue forze su un punto solo. Il nemico di Castro sono sempre stati gli Stati Uniti d’America. Molti in tutto il mondo odiano il potere nordamericano e Castro trova conveniente fare la parte del piccolo e coraggioso Davide che affronta il gigante Golia. Il mondo deve capire che lui è costretto ad uccidere perché è solo un povero, piccolo Davide assediato dagli americani (assediato sì, ma dalla mancanza di principi, di scrupoli, dalla megalomania, dal suo eterno delirio di essere il primo, dalla sua paranoia e anche dei suoi complessi). Adesso il suo insignificante fratello diventa importante perché è anche lui un criminale, demagogo, a volte cinico, a volte ipocrita. Quarta menzogna. L’internazionalismo proletario. È stata la patente di corso di Castro per uccidere non solo durante i combattimenti, ma anche commettendo crimini politici. Il Salvador e alcune altre nazioni potrebbero raccontare qualcosa in proposito. Quinta menzogna. L’embargo americano. Una delle menzogne storiche più dannose per l’umanità. Perché la storia è in agonia, ferita da tante imprecisioni e inesattezze. Hanno parlato persino di blocco per mezzo secolo. Ma l’aspetto peggiore di questa disinformazione storica, di questo crimine mediatico è che gli ingenui ancora credono che Castro sia un uomo normale e che i suoi complici in tutto il mondo, per pregiudizi e odio, facciano volontariamente il lavoro sporco per Castro. Prima, Cuba commerciava con tutto il mondo, tranne che con gli Stati Uniti, ma tramite paesi terzi la merce americana arrivava comunque a Cuba. almeno per i turisti e i collaboratori del regime. Che sia chiaro questo, eh! Adesso, dal 2007, gli Stati Uniti sono diventati il quinto partner economico di Cuba. Solo che il governo è carente di liquidità per pagare e carente anche di morale per pagare al popolo cubano il debito per averlo ingannato, torturato, ucciso, per avergli tolto quello che gli toccava per fare invece guerre, scatenare violenza nel nome della solidarietà e dell’internazionalismo; e per avergli impedito di giungere alla distensione con gli Stati Uniti sotto la presidenza di Lyndon Johnson, nel 1965. Castro allora rispose con la crisi migratoria che i cubani chiamarono Vuelos de la Libertad. Nel 1980, Castro la combinò grossa al tenero Carter con la crisi dell’ambasciata del Perù, e l’apertura del Porto del Mariel, all’ovest dell’Avana: svuotò manicomi e carceri e mandò il peggio dei delinquenti e una buona quantità di agenti. Nel 1996 fu la volta di Clinton. Castro gli fece un bel regalo; gli mandò decine di migliaia dei “balseros”. Solo i cubani, tra tutti gli ingegnosi disperati del mondo, hanno osato lanciare nell’oceano i camion-zattere (i “camionauti”) . Se Obama non ha ancora ricevuto la dose completa di vandalismo politico castrista è perché Fidel Castro non è più in condizione di creare una manovra politica. E a Raúl, benché sia un uomo terribilmente cattivo, manca la stoffa di mostro di cui è fatto il fratello Fidel fin da quando era in grembo di Lina Ruz. È così che nel paradiso cubano i fratelli Castro hanno costruito un inferno. Ditemi, se quest’uomo merita il rispetto di chi, assumendo la difesa del Castrismo offende la dignità di tanti cubani. Difensori del castrismo, riflettete, per favore!